MEZZI PACCHERI ALLO SCARPARIELLO

I Mezzi Paccheri allo scarpariello sono di una bontà unica e semplice.

Questo sugo si prepara con pochi ingredienti e la tradizione vuole che il nome, derivi dal mestiere dello “scarparo”.

In epoche passate, i calzolai venivano pagati dai contadini anche con formaggi fatti in casa e, per consumare i formaggi e il sugo della domenica avanzato, i calzolai mangiavano la pasta con il sugo allo scarpariello.

La ricetta originale vuole che si usino i Paccheri ma io, oggi, ho utilizzato i Mezzi Paccheri Le Gemme del Vesuvio del Pastificio Grania Srl ruvidi e ben trafilati al bronzo.

Per il sugo ho utilizzato i pomodori datterini in scatola invece che i pomodorini di collina.

Inutile dire che in Estate, è obbligatorio usare i pomodorini freschi, più dolci e profumati.

Ti suggerisco, per insaporire la pasta, di utilizzare del Parmigiano e del pecorini grattugiati freschi e non quelli già grattugiati e imbustati.

I Mezzi Paccheri allo scarpariello sono l’essenza della bontà a tavola.

Paccheri allo Scarpariello

Mezzi Paccheri allo Scarpariello

Ingredienti per 4 persone:

400 g di Mezzi Paccheri Le Gemme del Vesuvio

1 barattolo di pomodori datterini

4 cucchiai di Extra Vergine di Oliva

1 spicchio d’aglio

peperoncino e sale q.b.

Parmigiano e pecorino quanto basta

basilico fresco per profumare

Procedimento:

Ponete la pentola per cuocere i Mezzi Paccheri sul fuoco.

In un tegame ampio fate soffriggere aglio, olio e peperoncino.

Quando l’aglio sarà imbiondito lo eliminate e unite i datterini.

Aggiustate di sale e mescolate. Fate cuocere l sugo su fiamma dolce.

Nel frattempo calate i  Mezzi Paccheri e cuocete al dente.

Scolate i Mezzi Paccheri nel sugo di datterini e cospargete il tutto con il Parmigiano e il pecorino.

Mescolate bene, lontano dal fuoco, per far amalgamare tutti gli ingredienti.

Servite i Mezzi Paccheri allo scarpariello con del basilico profumato e buon appetito!

 

Facebooktwitterredditpinterestmail
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *